Le nostre scuole

Scuola Secondaria di Primo Grado “PERTINI”

La scuola media “PERTINI” accoglie alunni distribuiti in relazione all’iter formativo previsto dalla scuola secondaria di primo grado su corsi sostanzialmente equivalenti in consistenza numerica e simili in rapporto alla distribuzione delle caratteristiche individuali degli alunni; i criteri adottati per la formazione delle classi prime risultano infatti centrati sulla necessità di strutturare collettivi capaci di garantire agli alunni, nel corso del triennio, pari opportunità formative ed adeguati in particolare a garantire a ciascuno degli alunni, entro i margini delle personali attitudini ed esigenze formative individuali, il perseguimento degli obiettivi essenziali previsti dagli ordinamenti scolastici.

Gli alunni attualmente in carico alla scuola costituiscono una comunità scolastica complessivamente ben integrata e caratterizzata sul piano dei processi di apprendimento da una normale distribuzione in fasce di livello differenziate sul piano dell’impegno e del profitto; le classi conservano, in generale, caratteristiche strutturali omogenee rispetto alla configurazione socio culturale dell’intera comunità scolastica.

La scuola rappresenta un contesto sociale ed operativo caratterizzato da un atteggiamento di accoglienza e capace di motivare l’interesse e la partecipazione dell’alunno attraverso una adeguata organizzazione di attività e di situazioni formative; le situazioni critiche rilevate con riguardo ad alcuni fondamentali indicatori (profitto carente, demotivazione, condotte problematiche, ecc..) riferibili al disagio evidenziato da una contenuta fascia di alunni costituiscono per la scuola un sistematico elemento di riflessione.

L’offerta formativa di Plesso comprende Progetti ed attività integrative finalizzate a qualificare l’intervento complessivo della scuola attraverso un atteggiamento attento alle problematiche dell’alunno e del contesto sociale di appartenenza ed aperto soprattutto a recepire le complesse problematiche riferibili alla qualità della vita.


Attività scolastiche e documenti

La Scuola secondaria di primo grado “S. Pertini” e i suoi punti di forza

La scuola “S. Pertini”, già “B. Lanino”, è l’unico istituto tra le secondarie di primo grado della città a offrire il tempo prolungato, accanto a quello normale. Gli alunni iscritti al tempo prolungato svolgono attività di laboratorio a classi aperte nell’ambito del giovedì pomeriggio. Tali laboratori (teatro, ambientale, cucina, informatica, alimentazione, cineforum, cittadinanza, arte, inglese, latino, conosci la tua città, unplugged, scacchi, biblioteca…) mirano ad accrescere e a far acquisire nuove competenze in modo creativo e non scolastico.

Da anni l’offerta formativa si è arricchita grazie alle caratterizzazioni proposte per ciascuna sezione. Essendo il tempo scuola articolato su unità orarie di 55 minuti al mattino e 50 al pomeriggio, risulta la cosiddetta trentunesima ora settimanale, non curricolare, che viene impiegata per approfondimenti specifici a seconda delle sezioni: nella A si propone la caratterizzazione logico-matematica, nella B linguistica, nella C scientifico-sperimentale, nella D sportiva e nella E storico-umanistica.

Tutte le sezioni sono coinvolte in progetti ambientali, potendo fruire del Bosco Parco Lanino, di cui ricorre quest’anno il ventennio. Attorno al Bosco Parco ruotano numerose altre attività: l’istituzione di un orto, la simulazione di uno scavo archeologico e i nuovi progetti legati alle Avanguardie Educative, che vedono il Parco come una risorsa per il dialogo con la città e il territorio.

Importanti sono i progetti linguistici, legati alle certificazioni europee: ogni anno molti allievi frequentanti la terza media ricevono, attraverso docenti interni e di madrelingua, la preparazione atta a sostenere l’esame di certificazione KET (Key English Test). La preparazione può essere integrata dal soggiorno di una settimana a Eastbourne durante l’anno scolastico.

Da ormai trent’anni la scuola ospita l’istituzione della Camerata Strumentale “B. Lanino”. Costituita in prevalenza da fiati, ha ottenuto importanti riconoscimenti sul territorio nazionale ed eseguito numerosi concerti, soprattutto legati alle ricorrenze festive.

La scuola offre un percorso di preparazione sulla lingua greca antica, in modo da permettere agli allievi di misurarsi con una materia nuova e verificare il reale interesse per gli studi classici.

La Pertini si è qualificata nel percorso idoneo agli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), continuando il cammino intrapreso nelle scuole primarie del medesimo Istituto Comprensivo, ma non solo di esso.

Dall’a.s. 2014-15 è in corso una sperimentazione maturata sulla filosofia della scuola del gratuito, che prevede una valutazione degli allievi senza voto numerico, ma attraverso forme narrative esaustive, capaci di cogliere i reali progressi o le criticità manifestati dagli allievi durante i momenti di verifica. Gli allievi di alcune classi sono stati invitati con i loro genitori a scegliere in piena libertà tra la valutazione e tradizionale e quella sperimentale, con la possibilità di recedere dall’una o dall’altra decisione.

Alcuni docenti della Pertini hanno attivato la sperimentazione della flipped classroom, la “classe rovesciata”, il cui principio si basa sulla codificazione dei contenuti a casa e sull’esercitazione in classe. È un modello opposto alla didattica tradizionale.

Uno dei punti di forza della scuola è sicuramente l’apertura al territorio: ne è prova, ad esempio, che gran parte della Biblioteca attuale è stata istituita grazie alle donazioni della popolazione del quartiere, su richiesta esplicita e successivo ritiro dei volumi da parte degli allievi.

Il rapporto coi genitori e la loro presenza nel progetto educativo che la scuola propone è significativo; si esprime attraverso vari momenti di aggregazione e soprattutto attraverso l’associazione “Officina Lanino”, attiva in tutti e tre gli ordini di scuola. Essa è costituita da genitori volontari, attenti a individuare, assieme agli insegnanti, i nuovi bisogni e a soddisfarli nei limiti delle possibilità.